Category: News

COPERTINA 480x480

ENG

After the lucky debut album “Sloppy Sounds” (2013), the new Gambardellas’ “ASHES” Ep, the band born from Mauro Gambardella’s will (former drummer of many different italian indie bands such as thee Jones Bones, George Merk, The R’s and Paletti), is out now!

“ASHES”, produced by Giovanni Spinotti (former Bob Clearmonuntain assistant) and Gambardellas, recorded and mixed by Giovanni Spinotti at IndieHub Studio in Milan, mastered by Lee Fletcher at Fletchertronics (UK), represents a turning point for the band on different ways.

First of all, thanks to the official entry in the line up of Glenda Frassi (guitar-backing vocals) and Grethel Frassi (keys-backing vocals), Gambardellas have become a proper band, in addition the new Ep represents a brand new musical landscape for the band: sounds have become darker and heavier and lyrics are much more critical and up to now.

The new image of the band, according to the new sound of ASHES, is reflected in Zoe Vincenti’s photos and in the artwork made by Paolo Martini of Recur.Action Clothing.

ASHES Ep is composed by three original songs and one cover song.

Among the original scores the title track and first single “Ashes” stands out with its introduction made by a distorted organ and a chorus where Mauro’s voice singing about rebirth and redemption emerges from a sea of fuzzy guitar riffs.

Even if the instrumental parts have become more heavy and aggressive,the band doesn’t lose his touch on writing catchy song in the following “One in a million” and “Devils”

A rearranged version of  The Black Keys’ s “I got mine” closes the Ep, a song that the band has played many times during its previous tour and that well represents a greater compositional maturity and the continuous development of the band.

 

ITA

Dopo il fortunato debut album “Sloppy Sounds” (2013), esce oggi 3 febbraio 2014 l’EP “ASHES” dei GAMBARDELLAS, progetto nato nel 2012 dalla volontà di Mauro Gambardella, batterista attivo nella scena indie/rock italiana da ormai diversi anni (Thee Jones Bones, George Merk, the R’s e Paletti). “ASHES”, prodotto da Giovanni Spinotti (ex assistente di Bob Clearmountain) e Gambardellas, registrato e missato presso l’Indiehub Studio di Milano da Giovanni Spinotti e masterizzato da Lee Fletcher presso lo Studio Fletchertronics (UK), segna un importante punto di svolta sotto diversi aspetti. Innanzitutto da semplice progetto musicale intrapreso da Mauro, ora i GAMBARDELLAS, grazie all’ingresso ufficiale tra le fila di Glenda Frassi (chitarra-cori) e Grethel Frassi (tastiere-cori), sono una band a tutti gli effetti. Il sound, inoltre, si fa più scuro e decisamente più scarno: niente più colori sgargianti o suoni garage rock che hanno caratterizzato Sloppy Sounds, ma testi più critici e di denuncia, ambientazioni più cupe e profonde, che si rispecchiano anche nell’immagine della band, le cui foto sono state affidate alle sapienti mani di Zoe Vincenti, e nella cover dell’EP realizzata dal talentuoso Paolo Marini. “ASHES” testimonia alla perfezione questo cambiamento: si tratta infatti di un EP che vuole fotografare una mutazione sonora in continuo svolgimento, un momento di passaggio importante e significativo per la band.
Tra le tre tracce originali del nuovo lavoro dei GAMBARDELLAS spicca la canzone che dà il titolo all’EP, nonché primo singolo di prossima uscita, “Ashes”: un organo distorto ci introduce a una strofa sincopata e accattivante e a un ritornello con una chitarra fuzz, per un testo che parla di rinascita dalle ceneri e redenzione. La maggiore maturità compositiva è poi evidente anche in “One in a million” e “Devils” dove la band, pur non abbandonando il gusto per i ritornelli catchy, si lancia in momenti strumentali più intensi e pesanti.
La chiusura è infine affidata ad una cover dei Black Keys, “I got mine”, un pezzo eseguito più volte nel corso del tour da parte dei GAMBARDELLAS e che racchiude un passato appena trascorso ed un futuro in divenire per una band in continua crescita.

Tracklist:

1) Ashes
2) One in a million
3) Devils
4) I got mine

Credits:

Music by Gambardellas Lyrics by Mauro Gambardella Except “I got mine” music and lyrics by The Black Keys Bass played by Massimo Panella except on “I got mine” played by Glenda Frassi.
Produced by Giovanni Spinotti and Gambardellas
Recorded @ Indiehub Studio, Italy
Engineered by Giovanni Spinotti Assistant engineer Gabriele Simoni
Mixed by Giovanni Spinotti @ Indiehub Studio
Mastered by Lee Fletcher @ Studio Fletchertronics, UK
Photo by Zoe Vincenti
Styling by Silvia Ortombina

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


7 − quattro =

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>